23 Agosto 2019
  • 23 Agosto 2019
News
  • Home
  • News
  • Venduta la casa di “The Conjuring” – L’infestazione continua
17 Luglio 2019

Venduta la casa di “The Conjuring” – L’infestazione continua

By Letizia 0 618 Views

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, l’universo “The Conjuring”, non è altro che la rappresentazione cinematografica, della New Line Cinema, riguardante i casi di possessioni, trattati dai coniugi Warren.

Il terzo capitolo è in coda per l’uscita e sarà diretto da Michael Chaves.

Come sappiamo i Warren erano una coppia di studiosi del paranormale, che fino a non troppi anni fa, venivano chiamati per studiare casi inspiegabili riguardanti per lo più possessioni. 

La nostra attenzione la dedichiamo al primo capitolo, “The Conjuring: l’Evocazione”, film campione di incassi, che racconta la storia di una famiglia trasferitasi in una fattoria del Rhode Island, costruita nel 1736, e tenuta ancora sotto scacco ai giorni nostri dalla donna che la infesta, Bathsheba

Risultati immagini per the conjuring 1

Bathsheba era una presunta strega realmente esistita, che tormenta da sempre i proprietari della fattoria e delle sue terre, in quanto riterrebbe ancora oggi che siano un suo diritto, dato che erano di suo possesso all’epoca della costruzione.

Oggi la fattoria è stata venduta a una coppia, Cory e Jennifer Heinzen, che ne voglio fare un’attrazione turistica.

Secondo i reportage dei coniugi Warren la casa potrebbe essere ancora posseduta, lo stesso Cory Heinzen ha dichiarato:

Sentiamo porte che si aprono da sole, passi e colpi. Ho difficoltà a stare lì da solo. Non ho la sensazione di qualcosa di malvagio, ma sento una presenza. Posso dire che succedono un sacco di cose in casa.

Bathsheba sarà la volta buona che lascerà in pace gli attuali proprietari e si limiterà solo a spostare oggetti? Non ci resta che attendere notizie di cronaca nera dal Rhode Island.

  News
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.