22 Agosto 2019
  • 22 Agosto 2019
News
  • Home
  • News
  • Suspira – Due edizioni a confronto
20 Aprile 2019

Suspira – Due edizioni a confronto

By La mia vita è un Horror 0 135 Views

Abbiamo ricevuto proprio oggi due film tanto uguali ma tanto diversi. Le due edizioni home video di Suspiria a confronto per voi in una dettagliata recensione.

Attenzione possibili spoiler per chi ancora non avesse visto nessuno dei due Suspiria.

Non poteva certamente trattarsi di un remake e infatti Luca Guadagnino a voluto realizzare una sorta di omaggio al Suspiria di Dario Argento.

Per molti versi i due film sono totalmente diversi e distaccati fra loro, eccezion fatta per la trama che per certi tratti rimane quasi simile. Cambiano gli sfondi, gli scenari e la musica di sottofondo, molto presente quella dei Goblin nel Supiria originale e quasi totalmente assente quella di Thom Yorke nel film di Guadagnino.

La trama essenzialmente tratta di una ragazza che si reca in Germania per diventare una famosa ballerina. Sembra quasi tutto uguale fino allo sviluppo finale quando il nuovo Suspiria devia totalmente da quella che era la visione di Dario Argento e realizza un finale per nulla paragonabile all’originale, ma che per certi versi non è nemmeno tanto brutto.

Ovviamente è quasi impossibile paragonare queste due pellicole, primo perchè Dario Argento realizzò il suo film in Tecnicolor sfruttando molto l’intensità dei colori facendo molto risaltare nella pellicola il rosso del sangue e il blu della notte. Nel Suspiria di Guadagnino invece assistiamo ad un grigiume costante che sfocia poi in rosso sangue acceso nelle battute finali del film quando ci troviamo praticamente nel climax del film.

Come già detto in Suspiria 1977 la storia si concentra molto su Susie Bannion e sulla vita e la carriera di ballerina che vuole intraprendere e ci porta fino alla fine a conoscerla fino in fondo mentre in Suspiria 2019 la protagonista viene quasi accantonata per dare più spazio alla storia che si sviluppa attorno alla scuola e ai segreti che in essa sono celati.

Insomma entrambe le edizioni sono più che interessanti ed entrambe da rivedere in ottima qualità.

  News
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.