mar. Ott 19th, 2021

Su Disney+ il lungometraggio diretto dall’italiano Enrico Casarosa. Tra le novità in sala «Mandibules» di Quentin Dupieux

Il film “italiano” della Pixar: su Disney+ arriva «Luca», l’attesissimo lungometraggio diretto da Enrico Casarosa, ambientato in Italia.
Precisamente siamo in un paesino ispirato alle Cinque Terre, dove all’improvviso compaiono due ragazzi, Luca e Alberto, disposti a tutto pur di ottenere una Vespa per girare il mondo. I due giovani, però, nascondono un segreto: sono due misteriose creature marine capaci di trasformarsi in esseri umani quando risalgono in superficie.

Un grande passo in avanti per Enrico Casarosa che, dopo aver firmato il bellissimo cortometraggio «La luna» del 2011, ha ottenuto piena fiducia da parte dei responsabili della casa d’animazione più importante del mondo, che negli anni ha realizzato capolavori del calibro di «Monsters & Co.», «Wall-E», «Inside Out», fino al recentissimo «Soul».

Rispetto agli ultimi titoli citati, «Luca» è un prodotto più semplice e immediato, adatto a tutta la famiglia anche grazie a una trama scorrevole e capace di parlare in maniera differente a grandi e piccini.Come per la maggior parte dei prodotti Pixar, si ride e ci si commuove (verso il finale soprattutto) con questo lungometraggio che conferma la grande qualità estetica dei film della casa d’animazione americana, così come colpisce (seppur con qualche stereotipo di troppo) la panoramica sull’Italia e sui magnifici paesaggi delle Cinque Terre perfettamente ricreati.Guardando un po’ a «La Sirenetta» della Disney e un po’ a «Ponyo sulla scogliera» di Miyazaki, «Luca» riprende diverse dinamiche narrative già viste in passato, ma riesce ugualmente a risultare godibile e appassionante.

Siamo comunque distanti dai migliori risultati della Pixar, anche per una caratterizzazione dei personaggi che funziona a fasi alterne (il “cattivo” di turno non è un granché), ma il lavoro è in ogni caso pienamente riuscito e potrebbe essere solo la prima, importante tappa della carriera di Casarosa.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *