23 Agosto 2019
  • 23 Agosto 2019
News
  • Home
  • News
  • Isabelle: L’ultima evocazione
1 Giugno 2019

Isabelle: L’ultima evocazione

By Sara Alvi 0 328 Views

Come si evince dal titolo, l’horror sembra peccare di originalità risultando un insieme di cliclé a tratti confusionari oltretutto.

Eppure, tralasciando l’omaggio certo a Rosmary’s baby, potrebbe rivelarsi un buona pellicola che punta tutto sul versante psicologico creando attorno alla protagonista una gabbia invisibile di cui solo lei ne vede le sbarre e le sentinelle. 

Una realtà parallela percettibile solo alla giovane donna che incinta e sposata con Matt (Adam Brody), decide di accettare il trasferimento in una villetta nel New England.

Tutto le appare motivo di ansia e preoccupazione ma sarà l’incontro con la nuova vicina e l’occhio che le cade su una ragazza costretta sulla sedia a rotelle dietro una finestra: Isabelle, a dare il via alla vortice di eventi che la porteranno al tentativo di suicidio.

Rientrata, infatti, avverte forti dolori al grembo e cade a terra sanguinando. 

Salvatasi benchè per un minuto sia stata dichiarata morta, perde il bambino. Il tutto ruota sulla depressione post partum, la non accettazione del lutto la conduce a continue visioni, anche uditive, del figlio mai nato.

Ma sarà davvero il solo dolore a portarla sull’orlo della follia? Ebbene, se il marito n’è certo, Liza (Amanda Crew) molto meno, e sa per certo che la la colpevole è la ragazza in camicia da notte che li osserva assiduamente dalla finestra della sua camera. 

Una presenza demoniaca si sta insinuando nelle loro vite, ma così subdolamente che Matt ne resterà inerme.

Regia di Robert Heydon e scritto da Donald Martin, l’uscita è prevista per il 15 Agosto 2019!

Nell’attesa di poter smentire o confermare le critiche sulla giovane in camicia da notte, vi lasciamo il trailer ufficiale, mentre speriamo nei vostri commenti! 

 

Sara Synyster Addams

  News
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.