22 Agosto 2019
  • 22 Agosto 2019
News
29 Settembre 2018

Il fantasma del sottopassaggio

By Chiara Consorti 0 274 Views

Era una notte piovosa del 1923. Una ragazza di nome Lydia e il suo ragazzo stavano tornando a casa a High Point, dopo aver partecipato ad una festa. I due ragazzi si trovavano nel sottopasso della Highway 70, quando la loro auto si scontrò con un’altra vettura che veniva dal senso opposto.

Lydia, quella notte indossava un abito da sera bianco. La ragazza, a causa del forte impatto, morì sul colpo. Da quella notte molte persone affermano di aver visto, in quel sottopassaggio, un’autostoppista donna che indossa un abito da sera bianco.

Uno degli avvistamenti più incredibili, fu quello che vide come protagonista l’automobilista Burke Hardison.
Una notte mentre guidava, arrivato in corrispondenza del sottopassaggio, vide una donna con un bellissimo abito da sera bianco che chiedeva aiuto, Hardison si fermò subito e la fece salire sull’auto.

 

 

La donna sembrava molto agitata, gli disse che doveva tornare in fretta a casa a High Point, dal momento che sua madre doveva essere molto preoccupata per la sua assenza. Burke si fece dare l’indirizzo, ma quando arrivarono di fronte la casa indicata dalla donna, sul sedile passeggero non c’era più nessuno.

Tuttavia, Hardison pensò di bussare ugualmente alla porta. Uscì una donna molto anziana, che dopo aver ascoltato la storia dell’uomo gli disse che sua figlia, Lydia, era morta in un incidente stradale nel sottopassaggio dove lui l’aveva vista. L’anziana, spiegò a Hardison, che prima di lui altre persone avevano bussato alla sua porta, raccontando la stessa storia.

Sembrerebbe una leggenda metropolitana, ma i ricercatori hanno scoperto un certificato di morte di una ragazza di 19 anni di High Point di nome Lydia, morta in un incidente stradale il 31 dicembre 1923.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.